Rubrica 3
berna
Rubrica 3

Annunci

Terraferma-TI: il Ticino che va a Chios …

Terraferma-TI: il Ticino che va a Chios per la dignità dei rifugiati

Se vi è capitato di chiedervi come stareste se fosse successo a voi di dover fuggire abbandonando ogni cosa, ritrovandovi ogni giorno a domandarvi come procurarvi cibo e a come...

Read more

Revamp-it: il computer-recycling

Revamp-it: il computer-recycling

Anche i vecchi computer sono veloci. Nessuno spreco di materiale, nessuno sfruttamento di lavoratori. “Revamp-it” ricicla i computer, li manda in parte in Africa e inserisce persone nel mondo di...

Read more
Il commento
  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next

La rivoluzione silenziosa

Generoso Chiaradonna, laRegione, 24.11.2016 /  Il progresso tecnologico non ha avuto un’evoluzione lineare e continua, ma ha conosciuto strappi più o meno rapidi, con conseguenze anche violente sulle società in...

Read more

Coraggio

Francesca Rigotti, Ticinosette, numero 37,10 settembre 2010 /  Si è parlato molto, moltissimo di paura, in questi anni post 11 settembre, ormai quasi un decennio. Anche questo settimanale ne ha scritto...

Read more

La moneta, tra scambio e dominazione

Reinventare la moneta. Destinata a facilitare la circolazione dei beni, la moneta (o meglio l’uso che se ne fa) diventa un ostacolo. È giunto il momento di reinventarla. Alcuni spunti...

Read more
Nel mondo
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Prev Next

Dal Perù un metodo per estrarre acqua dalle nuvole

Dal Perù un metodo per estrarre acqua dalle nuvole

Milioni di persone in Perù non hanno accesso a servizi di acqua potabile e di depurazione. Ma Abel Cruz Gutiérrez ha una soluzione. Gutiérrez, presidente dell’associazione “Peruviani senza acqua”, utilizza...

Mondo
05-11-2017

continua...

Con Talento contro la globalizzazione

Con Talento contro la globalizzazione

Langenegg era negli anni ’90 il più povero paesino del Vorarlberg (Austria), un agglomerato di alcune case con 1'200 abitanti, tre ristoranti, due dozzine di fattorie e nessuna industria. La...

Mondo
01-09-2017

continua...

Banca di scambi in Colombia

Banca di scambi in Colombia

Nessuno si reca volontariamente a Cindad Bolivar, il slum di Bogota. Ma quasi due milioni di abitanti non hanno altra scelta: abitano lì e in maggioranza non hanno acqua o...

Mondo
11-03-2017

continua...

Diffondere conoscenza invece dei soldi

Diffondere conoscenza invece dei soldi

La Fondazione combatte povertà e fame e si fa forte per la diffusione e l’uso di metodi ecologici. Essi garantiscono un miglioramento durevole delle condizioni di vita nel Nord e...

Mondo
21-11-2010

continua...

Il Reddito di base incondizionato: in Namibia funziona

Il Reddito di base incondizionato: in Namibia funziona

L’idea del reddito di base incondizionato agita le anime in tanti paesi. Soldi dello stato per tutti senza la prova della necessità - non sarebbe troppo caro? E soprattutto non...

Mondo
26-04-2010

continua...

Le chance dell’auto elettrica in Svizzera

Un sondaggio on-line promosso dalla Accademia della mobilità dimostra che in Svizzera le persone credono nel futuro delle auto elettriche, anche se permane un certo scetticismo. Atteso uno sforzo anche da parte del TCS.

In vista del lancio sul mercato delle prime auto elettriche prodotte in gran serie in Europa dal 2011, la multinazionale dell’energia Alpiq prevede che entro il 2020 in Svizzera circoleranno 700 000 veicoli di questo genere. I partecipanti ad un sondaggio promosso on-line dall’Accademia della mobilità sono invece molto più prudenti: oltre il 90% ritiene che questo valore non dovrebbe superare le 100 000 unità.

Speranze
Quasi la metà degli interpellati ritiene che il fattore distintivo dell’auto elettrica rispetto alle vetture comuni sia il suo bilancio ambientale favorevole. E un terzo di loro è convinto che nel 2020, oltre la metà dei possessori di auto elettriche caricheranno i loro accumulatori con energie rinnovabili. Tuttavia permane un certo scetticismo: solo il 20% dei circa 300 partecipanti al sondaggio è dell’idea che i veicoli elettrici siano sicuri e affidabili come quelli spinti dai normali motori a scoppio.

Aspettative
In tema di auto elettriche gli interpellati esprimono aspettative anche da parte del TCS: un terzo vorrebbe ad esempio che il club si impegni a favore della creazione di reti di ricarica in tutto il territorio nazionale. Il 30% si aspetta inoltre dal TCS che intervenga anche in caso di panne con automobili elettriche.
L’inchiesta è stata promossa nell’ambito del primo Forum svizzero per la mobilità elettrica, che con il coordinamento dell’Accademia per la mobilità e il padrinato del consigliere federale Moritz Leuenberger ha avuto luogo a inizio anno a Lucerna. Il prossimo appuntamento è in programma il 17 giugno a San Gallo e sarà dedicato al tema della «mobilità glocale».  hwm

 

Info Touring
Risultati dettagliati del sondaggio e altre informazioni su www.mobilityacademy.ch. Iscrizioni al seminario sulla «mobilità glocale»: tel. 0313801204

 

Fonte: Touring, n. 10 del 10 giugno 2010