Revamp-it: il computer-recycling

Stampa

Anche i vecchi computer sono veloci.
Nessuno spreco di materiale, nessuno sfruttamento di lavoratori. “Revamp-it” ricicla i computer, li manda in parte in Africa e inserisce persone nel mondo di lavoro, persone che non hanno retto alla sfrenata concorrenza. Andreas Rudin, promotore dell’azienda: “Sembra arrogante buttare computer soltanto perché sono vecchi. Arrogante nei confronti dell’ambiente, arrogante verso la gente che li ha prodotti in paesi con stipendi bassi.”

La maggior parte dei computer vengono eliminati non a causa di un difetto, ma perché non sono più in grado di utilizzare i programmi più attuali. Gli apparecchi nuovi sono però troppo potenti per l’uso quotidiano- “come una Jaguar in zona 30” chiosa Rudin. Revamp-it sfrutta questa sovra-capacità: invece che da una sola persona, le capacità di un nuovo computer sono sfruttate da diversi computer ad esso collegati. Per una rete serve un solo server costoso e i computer collegati non hanno più bisogno di tecnologia aggiornatissima.
Vecchi computer, riparati con gli adeguati pezzi di ricambio raggiungono, grazie al collegamento, il rendimento sufficiente. La soluzione è più ecologica e costa di meno che comperare un nuovo computer, secondo lo standard della società compra e butta.
Il collegamento tra hardware vecchio e nuovo funziona solo grazie all’uso di software Open- Source: Revamp infatti usa Linux. “Altrimenti faremmo una maratona a rimpiazzare hardware” spiega Rudin. I nuovi programmi di Microsoft e Apple non funzionano più sui vecchi computer - questo sistema dell’aggiornamento continuo costringe a cambiare anticipatamente i computer.
La maggior parte degli apparecchi riparati vanno in Africa, e sono destinati a scuole o a progetti sociali. Gli affari in svizzera vanno con fatica, anche se il sistema di Revamp-it si adatta per tutti coloro che possiedono più di un computer a casa: piccole aziende, comunità, scuole, ecc. Rudin riferisce che:” Il partito dei verdi di Lucerna” usa il loro sistema e che “funziona a meraviglia”.
“La gente cerca di risparmiare, solo nella tecnologia informatica non lo fa. “Ma è piuttosto difficile guadagnare soldi con il riciclaggio” sostiene deluso. Revamp-it lavora per la maggior parte con il volontariato. Collabora con l’URC e l’assistenza e assume persone escluse dal mercato di lavoro.

Fonte: Zeitpunkt 107, maggio/giugno 2010

Informazioni: www.revamp-it.ch