Rubrica 1
berna
Rubrica 1

Annunci

Terraferma-TI: il Ticino che va a Chios …

Terraferma-TI: il Ticino che va a Chios per la dignità dei rifugiati

Se vi è capitato di chiedervi come stareste se fosse successo a voi di dover fuggire abbandonando ogni cosa, ritrovandovi ogni giorno a domandarvi come procurarvi cibo e a come...

Read more

Revamp-it: il computer-recycling

Revamp-it: il computer-recycling

Anche i vecchi computer sono veloci. Nessuno spreco di materiale, nessuno sfruttamento di lavoratori. “Revamp-it” ricicla i computer, li manda in parte in Africa e inserisce persone nel mondo di...

Read more

Per l’habitat ecologico in zone rurali

Iddées Vertes - L’ecologia e l’habitat appassionano l’associazione Iddées Vertes. Attiva nel Cantone di Vaud, Iddées Vertes realizza progetti contraddistinti dall’indipendenza dalle energie fossili e dall’autonomia delle risorse umane. Intraprende una nuova sfida puntando all’autosufficienza alimentare.
Il suo slogan : « Diventiamo gli attori di un futuro scelto, piuttosto che gli spettatori o le vittime di un futuro subìto. »

Alla chiusura dell’esposizione nazionale del 2002, il destino delle arteplage di Bienne, Morat e Neuchâtel era chiaro : dovevano essere demolite. L’associazione Iddées Vertes ricicla 750 m3 di bosco dell’arteplage di Neuchâtel sotto forma di tavole e pavimentazioni in legno massiccio. Nel 2006, recupera 50 000 m2 di pavatex utilizzato per proteggere i pavimenti in marmo di un edificio in cantiere. Se tali recuperi sono spettacolari, non sono comunque che uno degli aspetti della sua riflessione su un habitat ecologico. Iddées Vertes installa pannelli solari termici o caldaie a legna .
Iddées Vertes deve la sua nascita a due eventi. Christophe Jaccard, il suo presidente, racconta : « Alla nascita dei miei figli e dopo dieci anni di gestione finanziaria, ho preso coscienza del fatto che gli avremmo tramandato un mondo di debiti – molti individui, aziende, stati sono indebitati – e un mondo di rifiuti. E poi, diventando proprietario di una masseria nel Vaud, ne ho avuto abbastanza di bruciare 10 000 litri di nafta per riscaldarla e ho voluto sviluppare un’indipendenza energetica dalle energie fossili.» Oggi, la sua fattoria è dotata di 54 m2 di pannelli solari termici e di un sistema di riscaldamento a piastrelle di legno .
Conta 5 appartamenti in cui vivono 17 persone .

Sensibile alla dignità umana
Contemporaneamente, Christophe Jaccard, colpito dai salari irrisori che spettano agli operai edili, aggiunge una dimensione sociale all’associazione, che tratterà con professionisti indipendenti. Muratori, un lattoniere-copritetto, un falegname, un installatore sanitario e un tecnico addetto alla messa in opera e alla manutenzione delle attrezzature di riscaldamento centralizzato, un vetraio, un educatore sociale costituiscono la rete di base, più tardi arricchita da un ingegnere del legno o da un architetto .
Per i cantieri importanti vengono assunti dei manovali o degli stagisti, raccomandati dalle associazioni sociali .

Iddées Vertes fornisce prestazioni chiavi in mano e si impegna a dare consigli a coloro che costruiscono da soli o che hanno bisogno di informazioni tecniche, di referenti qualificati o di strumenti adeguati. I suoi prodotti finiti costano il 20 per cento in meno rispetto a quelli commerciali poiché non vi è una struttura amministrativa complessa e i suoi margini sono ridotti. Di conseguenza, i clienti non spendono più completamente il loro budget e viene loro consigliato di reinvestire il denaro per ingrandire l’impianto : più superficie a pannelli solari o un più alto spessore di isolamento. È ciò che fanno spesso. Iddées Vertes pone la sua ambizione ben oltre il rispetto del minimo di legge – che esigono che qualsiasi nuovo edificio abbia il 5 al 10 per cento coperto dall’energia solare – arrivando regolarmente dal 25 al 40 per cento di copertura .

Attiva in un microterritorio
Mettere due « d » in Iddées Vertes, era un modo per inserire « sviluppo sostenibile ». Ciononostante, con gli anni, Christophe Jaccard rivede il suo approccio : « La parola sviluppo mi mette a disagio. Queste due ‹d› potrebbero piuttosto significare ‹decrescenza dolce›. Lo sviluppo sostenibile è stato ripreso dal ‹green business› imperniato sulla crescita e il consumo. Crediamo sempre meno allo sviluppo, ma piuttosto alla decrescenza, in particolare per far abbassare il livello di indebitamento. »

Se le realizzazioni di Iddées Vertes sono nel Cantone di Vaud, non è per caso. L’associazione scommette di intervenire in un raggio di 25 km attorno a Fey (VD), in quanto ritiene assurdo costruire un edificio poco avido di energia per poi bruciarne nei trasferimenti, sebbene nessuno paghi attualmente la fattura climatica.

Per un’etica del credito
Iddées Vertes ha scritto nel suo statuto che eviterà di « chiedere in prestito denaro » e pertanto, dispone di credito presso la Banca alternativa BAS. Christophe Jaccard spiega : « Si tratta di un credito conto corrente commerciale per assicurare il nostro fondo di cassa, non di un credito di indebitamento. Abbiamo un calo tra il momento in cui recuperiamo i materiali da costruzione, li stocchiamo e il momento in cui li riutilizziamo .» Iddées Vertes non ha intenzione di versare i suoi interessi a qualsiasi istituto di credito, lo fa con chi condivide i suoi valori .
Nell’autunno del 2009, Iddées Vertes avvia la riabilitazione di una proprietà di 10 000 m2, divisa in tre zone : artigianale, agricola e forestale, con una casa (200 m2), un mulino (800 m2) e una stalla. In questa cooperativa di abitazioni di pubblica utilità, gli abitanti produrranno una parte del loro sostentamento grazie agli ortaggi, alle arnie o agli animali da cortile. Il circuito dell’acqua è attualmente in fase di studio : lrecupero dell’acqua piovana e di fonte, fito-epurazione e bagni a secco .
L’autosufficienza alimentare è la nuova sfida di Iddées Vertes.

Fonte: Moneta n.2 2009, pubblicato da Banca alternativa Svizzera (BAS)

Cathy Savioz | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altre informazioni: www.iddeesvertes.ch